La rivoluzione dei contenuti

Diamo voce a chi è stanco di urlare senza farsi sentire

E' ARRIVATO IL LIBRO LA TAZZINA DELLA LEGALITA'

MAGGIORI INFO

Riaccendiamo la luce

LA TAZZINA DELLA LEGALITA' © per sensibilizzare le istituzioni e l'opinione pubblica ad una più attenta riflessione su quelle che sono le priorità da sostenere per salvaguardare l'immagine della regione Calabria e sostenere gli imprenditori nella loro attività. Nata da una idea dell'imprenditore Sergio GAGLIANESE a seguito  dell'attentato alla Guglielmo Caffè in località Copanello,  Stalettì - Catanzaro,  Luglio  2022 . Ho pensato che avremmo dovuto fare qualcosa di importante, dare un segnale forte per dire che la Calabria tutta, ed il suo capoluogo, merita gli onori della cronaca per la bellezza dei territori, la cultura e l'ospitalità che sa offrire e non per i fatti di cronaca che hanno l'effetto di alimentare odiosi "luoghi comuni". Questa iniziativa deve costituire un primo, importante passo nella realizzazione di una rete di soggetti che vorranno collaborare alla  diffusione della cultura   della legaltà  sui nostri territori. Una rete che coinvolga anche altre realtà che si stanno avvicinando a questo percorso».

                                                                                                  Sergio GALIANESE

                                                                                     Fondatore della TAZZINA DELLA LEGALITA'

Miscela di contenuti

Tanti gli esponenti dell'imprenditoria, delle associazioni di categoria, della politica e della società civile che hanno voluto partecipare portando il loro contributo. Un mix di contenuti e di storie ascoltate che lasciano il segno. L'associazione nasce dallo spontaneo contributo ideologico dei partecipanti e non ha finalità di carattere politico, ne in alcun modo finalità di lucro, ma esalta il volontariato e l'espressione democratica del pensiero di tutti. 

Unisciti a noi !

Al primo evento del 26 Agosto 2022 eravamo più di 150 persone.

Oggi dopo solo pochi mesi siamo molti ma molti di più